Il manuale dell’illustratore

di Anna Castagnoli, Editrice Bibliografica, 2017. Una guida completa al mestiere di illustratore.

Dalla quarta di copertina:
In un periodo di profonda trasformazione dell’editoria come quello attuale, c’è ancora spazio per chi vuole mettersi alla prova e realizzare le proprie passioni. Ma come fare? Bisogna avere una guida autorevole come Anna Castagnoli che vi accompagni passo dopo passo, dalla realizzazione di un album illustrato alla scelta della scuola fino ai suggerimenti su come si partecipa a un concorso e si prepara un portfolio da presentare a un editore. Senza dimenticare naturalmente le fiere e i saloni del settore, gli aspetti legali, contrattuali ed economici, oltre ai segreti su come utilizzare al meglio la rete per auto-promuoversi e trasformare, così, una passione in un mestiere vero e proprio. Agli aspiranti illustratori questo libro insegna l’importanza di essere curiosi e aperti alle sollecitazioni più diverse, comprendendo quali siano le esigenze del mercato, senza lasciarsi distrarre, però, nella ricerca di una voce personale, capace di tradurre ai bambini, con originalità, la meraviglia del mondo che ci circonda.

Il manuale dell’illustratore, Anna Castagnoli, Editrice Bibliografica 2017 – 247 pagine
Acquistalo presso la tua libreria di fiducia.
Direttamente sul sito di Editrice Bibliografica.
Oppure (anche dall’estero) su Amazon.it

Recensioni, interviste:

MILKBOOK
https://www.milkbook.it/manuale-dell-illustratore-anna-castagnoli/
Francesca Tamberlani

ROBA DA DISEGNATORI
http://robadadisegnatori.com/2017/02/manuale-illustratore-castagnoli/

Morena Forza

Riccardo Pontegobbi

PAGINA 99, quotidiano di sabato 4 febbraio 2017
“(…)La novità è quella di essere un volume di savoir faire anglosassone (che spiega come comportarsi nel mondo del lavoro) scritto però col piglio del filosofo che vede in queste necessarie pratiche professionali lo spiraglio per costruire qualcosa di sensato per l’esistenza. Castagnoli non insegna come fare soldi ma come costruirsi una vita artistica densa e gratificante. (…)” Dalla recensione di Riccardo Falcinelli